.
Annunci online

eclipsed
le luci fanno ricordare le meccaniche celesti


Diario


20 febbraio 2008

Il liberismo ha i giorni contati

Capolavoro.
Assoluto.
Senza se e senza ma.

Baustelle - Il Liberismo Ha I Giorni Contati

E’ difficile
resistere al Mercato, amore mio.
Di conseguenza andiamo in cerca di
rivoluzioni e vena artistica.
Per questo le avanguardie erano ok,
almeno fino al ’66.
Ma ormai
la fine va da sé.
E’ inevitabile.

Anna pensa di
soccombere al Mercato. Non lo sa
perché si è laureata. Anni fa
credeva nella lotta, adesso sta
paralizzata in strada. Finge di
essere morta. Scrive con lo spray
sui muri
che la catastrofe
è inevitabile.

Vede la Fine.
In metropolitana.
Nella puttana
che le si siede a fianco.
Nel tizio stanco.
Nella sua borsa di Dior.

Legge la Fine.
Nei saccchi dei cinesi.
Nei giorni spesi
al centro commerciale.
Nel sesso orale.
Nel suo non eccitarla più.
Vede la Fine in me che vendo
dischi in questo modo orrendo.
Vede i titoli di coda
nella Casa e nella Libertà.

E’ difficile
resistere al Mercato, Anna lo sa.
Un tempo aveva un sogno stupido:
un nucleo armato terroristico.
Adesso è un corpo fragile che sa
d’essere morto e sogna l’Africa.
Strafatta,
compone poesie
sulla Catastrofe.

Vede la Fine.
In metropolitana.
Nella puttana
che le si siede a fianco.
Nel tizio stanco.
Nella sua borsa di Dior.

Muore il Mercato.
Per autoconsunzione.
Non è peccato.
E non è Marx & Engels.
E’ l’estinzione.
E’ un ragazzino in agonia.

Vede la Fine in me che spendo
soldi e tempo in un Nintendo
dentro il bar della stazione

e da anni non la chiamo più.

sfoglia     gennaio        marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

Come eravamo
Il mio manifesto
Macchianera
Luca Sofri
Massimo Mantellini
Christian Rocca
Simone Tolomelli
Maurizio Codogno
Vittorio Dell'Aiuto
Carlo Brodo
Matteo Bordone
Alessandro Gilioli
Magarisultardi (un genio)
Fantaemerenziana
Diego Bianchi
Daniele Luttazzi
Cup




Questo blog utilizza immagini prese dal Web (dio benedica Google Immagini). Se tale pratica dovesse violare il diritto d'autore, segnalatelo e provvederò a rimuoverle.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge
n. 62 del 7.03.2001.
(fa così figo scriverlo che lo faccio anch'io)

Grazie a Giuseppe Cinà per l'header, anche se lui non lo sa (ancora)



"Se introduci un po' di anarchia...
se stravolgi l'ordine prestabilito...
tutto diventa improvvisamente caos.
Io sono un agente del caos.
E sai qual è il bello del caos?
È... equo!"


se lo dice lui, io ci credo


un attore immenso


un'emozione


uno dei più grandi
scrittori contemporanei


la persona più
divertente del mondo


un ribelle che la pensa come me


CERCA